Il business plan: lo strumento per far crescere il tuo business

business plan

Il business plan: lo strumento per far crescere il tuo business

Il business plan: la guida completa per costruire e utilizzare al meglio questo strumento indispensabile di gestione,  un documento programmatico, strategico e analitico dalle molte e differenti finalità.

Che cos’è il business plan e a cosa serve

Un business plan (o piano di business) è un documento suddiviso in sezioni che sintetizza i contenuti e le caratteristiche di un progetto imprenditoriale. Viene utilizzato soprattutto per la pianificazione e gestione aziendale e ha lo scopo principale di descrivere un progetto di business e di spiegare nel dettaglio come un’idea di impresa può trasformarsi in un progetto d’impresa.

Il business plan ti permette di tornare sui suoi contenuti ogni volta che dimentichi gli obiettivi del tuo progetto: una vera e propria mappa che ti indica il percorso migliroe da percorrere perché sei tu a decidere quali attività inserire, quali tipologie di eventi e di obiettivi vuoi raggiungere nei prossimi 12 mesi.

Lo strumento fondamentale per qualsiasi imprenditore, per rendere sostenibile la tua attività, sia dal punto di vista economico che degli eventi che coinvolgeranno il tuo business.

Quali sono le funzioni fondamentali di un business plan?

  • Descrivere l’idea imprenditoriale e la sua fattibilità
  • Impostare la strategia da seguire per il successo dell’impresa
  • Valutare le performance e l’andamento del progetto
  • Presentare l’idea imprenditoriale a potenziali investitori.

A chi serve il business plan e perché averlo?

Il business plan serve a qualsiasi realtà aziendale e imprenditoriale. Dalla multinazionale alla start up, dalle piccole realtà ai freelance.

Il business plan serve per identificare gli obiettivi da raggiungere nei prossimi 12 mesi, stabilire gli obiettivi economici da raggiungere, comprendere le spese in entrata e in uscita per poi attenersi a un piano d’azione a prova di imprevisto.

Perché avere un business plan?

Senza business plan non potrai avere uno sguardo sul futuro: la visione a lungo termine serve per capire i tempi di progettazione di ogni fase e permette al tuo business di crescere nel tempo.

Non avere un business plan significa non dedicare tempo a una parte fondamentale del tuo business e rischiare di essere travolto dagli eventi esterni.

Come si crea un business plan?

Il business plan è costituito da varie sezioni:

  1. Indice
  2. Executive summary 
  3. La descrizione dell’impresa
  4. Descrizione di prodotti o servizi
  5. L’analisi di mercato
  6. La strategia di marketing
  7. Il piano operativo
  8. La struttura organizzativa
  9. Il piano finanziario
  10. Allegati 

Il business plan contiene:

  • Tutte le attività del tuo business. Dai tuoi canali di comunicazione, ai vari lanci di un nuovo prodotto o servizio, al restyling (o la creazione) del tuo sito web;
  • I tuoi obiettivi economici: la stima di fatturato mensile da raggiungere;
  • Gli investimenti del tuo business;
  • Attività ed eventi della sfera personale: periodi di vacanza, matrimoni, traslochi, maternità;
  • Eventuali corsi di formazione o tempo per formare collaboratori/dipendenti;
  • Progetti futuri.

Quando si crea il business plan?

Il business plan dura 12 mesi e di solito inizia con l’anno fiscale, ovvero da gennaio a dicembre. Puoi crearlo anche se ti trovi a metà anno, creando il tuo piano d’azione per i mesi restanti sino ad arrivare a dicembre.

Struttura di un business plan

1. Indice

L’indice elenca le varie sezioni presenti nel documento e le relative pagine a cui trovarle. Serve a rendere più semplice la consultazione.

2. Executive summary

L’executive summary sintetizza qual è l’idea d’impresa e i punti chiave del documento. È una prima parte che chiarisce e dà un’anteprima di quello che si troverà nel documento.

Questa parte è utile inserirla per ultima, quando avrai finito di fare il resto del business plan e avrai le idee chiare.

3. Descrizione dell’impresa

In questa sezione si inseriscono tutte le informazioni che descrivono la tua impresa: la sua tipologia, la sua storia, la sua struttura, in che settore opera, cosa offre, quali sedi ha e quali sono i suoi punti di forza e di debolezza rispetto alla concorrenza.

Descrivi anche quali sono gli obiettivi da raggiungere; ricorda che devono essere realistici e realizzabili entro un periodo di tempo determinato.

Ricorda che gli obbiettivi da raggiungere devono essere realistici, realizzabili e al tempo stesso in grado di attrarre l‘attenzione dei potenziali finanziatori.

4. Descrizione dei prodotti o servizi

Questa parte è dedicata alla descrizione dettagliata dei tuoi servizi o prodotti offerti, ma soprattutto a quale bisogno e domanda del mercato intendono rispondono.
Punti sui cui soffermarsi:

  • Le caratteristiche del servizio o del prodotto, immagini e informazioni dettagliate;
  • Le possibilità d’impiego: come/in che casi può essere utilizzato?
  • Gli elementi che aiutano a distinguerti dalla concorrenza: quali sono i vantaggi competitivi, i punti di forza e di debolezza e le caratteristiche del prodotto/servizio rispetto a quelli della concorrenza?
  • Possibili sviluppi futuri: sono previste delle innovazioni?

5. Analisi di mercato

La parte di analisi di mercato deve essere approfondita e andare a descrivere:

  • La sua segmentazione: in gruppi, o segmenti, di utenti che hanno caratteristiche, comportamenti ed interessi simili. Ogni segmento del mercato può essere interessato a un determinato bene o servizio e, se è abbastanza consistente, può costituire un segmento attraente.
  • trend del settore e la quantità domandata di un bene in corrispondenza di un determinato prezzo;
  • Le normative che regolano il mercato;
  • Descrizione dei competitor diretti e indiretti e come si posizionano;
  • Le caratteristiche del target di riferimento, le loro abitudini di consumo, lo stile di vita e le preferenze, la loro capacità di acquisto e le loro caratteristiche socio-demografiche e geografiche. In questo campo ti può essere utile creare delle buyer personas.

6. Il piano di marketing

A questo punto dovrai illustrare qual è la strategia adottata per attirare e fidelizzare i clienti e per posizionarti e importi nel mercato. Raggruppa le linee guida attraverso le quali  l’azienda vuole e deve procedere per conseguire e raggiungere gli obiettivi iniziali.

Nel tuo piano di marketing dovrai descrivere quali sono le scelte strategiche riguardo a:

  • Prezzo di vendita del prodotto/servizio e qualità
  • Promozione pubblicitaria del prodotto/servizio
  • Distribuzione (se online o nei punti vendita)

Dopo aver stabilito queste strategie puoi effettuare una previsione della quota di mercato, delle vendite e del fatturato previsto nel periodo di tempo preso in considerazione dal tuo piano di business.

7. Il piano operativo

Questa sezione mette in evidenza i seguenti punti:

  • Tecniche produttive e di sviluppo del prodotto/servizio, quali risorse e processi vengono coinvolti.
  • Assistenza tecnica/Customer care nella fase post-vendita: importante per la soddisfazione dei clienti e la loro fidelizzazione.

8. La struttura organizzativa

Descrivi le persone che compongono l’azienda, il loro ruolo e la loro funzione all’interno dell’impresa. Stabilisci anche il piano di gestione delle risorse umane, di quali figure professionali il progetto ha bisogno (competenze e funzioni) e come saranno gestite le assunzioni.

9. Analisi finanziaria

In questa parte andrai a dare una proiezione realistica e dettagliata delle performance economiche e finanziarie dell’impresa.

Questa parte chiarisce:

  • Il costo di avvio dell’impresa
  • Se esistono dei finanziatori
  • Se esistono dei piani di ammortamento
  • Modalità di pagamento dei clienti

10. Gli allegati

Un business plan si conclude con una sezione dedicata agli allegati utili per fornire documentazione utile e di approfondimento. Possibili allegati di un piano di business:

  • Il curriculum vitae del management
  • Le schede tecniche di prodotto
  • I dati sull’indagine di mercato
  • Eventuali preventivi da parte di fornitori

Conclusioni

Il business plan è utile anche per tutti quei soggetti che, all’interno dell’impresa, partecipano alla formazione del piano strategico come ad esempio i componenti del consiglio di amministrazione o di coloro che rivestono posizioni manageriali.

A questo punto potrai avere una visione chiara, aver identificato bene gli obiettivi e le strategie da adottare per raggiungerli, conoscere esattamente i flussi di cassa, gli aspetti finanziari ed economici nonché il patrimonio e le risorse necessarie e indispensabili senza le quali l’impresa non può esistere.

In cosa possiamo aiutarti?

Che tu sia agli inizi o abbia già un’idea di business ti aiutiamo a farla crescere!

Dai corsi di formazione altamente specializzati, all’ideazione, organizzazione e realizzazione di eventi, ma anche:

  • Servizi Fotografici
  • Video Emozionali, Promozionali, Informativi
  • Intervista 3D Mapping
  • Siti Web
  • App, SEO, SEM, SEA
  • Gestione Digital PR
  • Blogging
  • Gestione Campagne SMM
  • Corporate Branding
  • Advertising
  • Pianificazione Strategica
  • Web & Social Media Marketing
  • Gestione Campagne
  • Realizzazioni Grafiche
  • Copywriting

Scrivici o vieni a trovarci!

Potrebbe interessarti anche